Le mie parole sorgono come folla, ma non sfuggono alla violenza della loro precarietà . Le assecondo, come assecondo te. É calligrafia, una volta, presuntuosamente, credevo fossero incisioni

Annunci